Oggi è la giornata mondiale del cane

In Spagna è un Perro perros. Per chiamare un cane in inglese, ci sono diversi termini: Google suggerisce Bastone bobtail bow-wow cham cock dog hammer hound pooch. In Olanda un cane è un Hond. In Danimarca lo chiamerebbero Hund (ma anche in Norvegia). Cane viene usato anche in senso dispregiativo per fare riferimento ad una “schiappa”, lavorativamente parlando… ad esempio (i SEO di questo sito, ad esempio, sono risaputamente delle schiappe… scherziamo).

Comunque abbiate deciso di chiamarlo, è bene sapere che oggi è la giornata mondiale del cane: il migliore amico dell’uomo! Un modo di dire, quest’ultimo, la cui etimologia non è troppo chiara, ma che deriva anche da una serie di studi scientifici che sono stati condotti negli anni passati: alcuni studi scientifici, ad esempio, hanno raccontato di relazioni molto strette tra cani e uomini risalenti al periodo del Neolitico, quando i nostri amati amici a quattro zampe avrebbero accompagnato i cacciatori o seguito gli agricoltori del Vicino Oriente durante la migrazione in Europa. Altri pregevoli articoli, peraltro, raccontano che il cane tende ad adeguarsi alla personalità del padrone, con comportamenti che spesso rispecchiano il carattere della stessa.

L’abilità principale del cane, del resto, è proprio quella di riuscire ad intuire lo stato d’animo del padrone e stargli accanto nei momenti più difficili, a volte pure in silenzio, offrendo così un conforto ed un aiuto considerevole per moltissimi amanti degli animali. Oggi è anche bene ricordare, pero’, che il cane ama passeggiare e non vive bene una vita sedentaria: il che può essere anche un buon motivo per fare due passi, perdere qualche chilo (con la scusa), fare felice il proprio animale e tenersi tonici e sempre in forma. Il cane, peraltro, è stato l’animale più celebrato dai in tempi di quarantena da Covid-19, con tanti padroni che “lo uscivano” (o per meglio dire in italiano, lo portavano in giro) per avere una scusa, in molti casi, per poter uscire di casa.