Come introdurre semi di canapa nella propria dieta

Se un bel giorno volessimo introdurre nella nostra dieta i semi di canapa, quante possibilità ci potrebbero essere a riguardo? Per la verità non disponiamo di moltissime notizie in questo ambito, per quanto avessimo già esposto in un precedente articolo sui semi di canapa in cucina il nostro punto di vista, relativamente alla possibilità di fare uso di tali semi: di fatto, le possibilità non mancano. I semi di canapa, in prima istanza, possono fare naturalmente parte della dieta vegana, ovvero quel tipo di diete che escludono a prescindere qualsiasi prodotto di origine animale (quindi non solo carne ma anche uova, per intenderci). I fan di questo genere di dieta potranno pertanto stare estremamente tranquilli, dato che è possibile trovare i migliori semi di canapa anche in vari siti sul web, e possono consumarli con tranquillità essendo prodotti naturali e di ovvia di derivazione vegetale.

Anche se non c’è accordo assoluto nella comunità dei nutrizionisti, i semi di canapa sono da sempre considerati incredibilmente sani per quello che riguarda il loro utilizzo. Questo avviene perchè questi semi, dall’uso poco noto in Italia (almeno al momento in cui scriviamo, in futuro chissà!) rientrano tra gli alimenti proteici ricchi di acidi grassi Omega 3 e Omega 6, di cui i primi riducono soprattutto i trigliceridi, mentre i secondi migliorano prevalentemente il profilo del colesterolo. Tecnicamente parlando, quindi, possiamo dire che i semi di canapa sono molto nutrienti; hanno inoltre un sapore molto delicato. I semi di canapa sono anche un’ottima fonte di arginina e acido gamma-linolenico, aspetto che è stato collegato, peraltro, a un rischio relativamente ridotto sull’insorgere di eventuali malattie cardiache.

Semi di canapa crudi

Per quanto la dieta in molti casi debba comunque essere controllata da un dietologo qualificato, che sappia suggerirci le modalità corrette e ci tenga sotto controllo, possiamo usare i semi di canapa quale alimento da consumare (in forma integrale o decorticata) per alcuni tipi di ricette etniche e nella forma soprattutto di insalate e primi piatti. I semi, in altri termini, si possono consumare crudi ed agiranno, in questo caso, come una sorta di integratore alimentare, da aggiungere alle insalate così come alla pasta, al muesli, alla frutta ed alla verdura in genere. Altro tocco di fantasia che ci ispira: farne uso nei frullati di frutta, che forse non andranno di moda d’inverno ma in effetti sono una parte di molte diete light e vegane in qualsiasi periodo dell’anno (sempre frutta di stagione, pero’, raccomandiamo).

Olio di semi di canapa

In seconda istanza, possiamo ricava l’olio di canapa mediante la cosiddetta spremitura a freddo, con la quale sarà possibile ottenere un olio dal singolare sapore alla nocciola, che poi è preferibile tenere e conservare in frigo.

Semi di canapa per il pane

Un altro uso molto diffuso nella cucina con semi di canapa prevede il loro uso per realizzare o farcire farinacei come il pane e la pasta. Con questi semi possiamo decorare anche i nostri dolci, volendo.

Latte di canapa artigianale

Un altro modo per introdurre i semi di canapa nella nostra dieta è quello di fare il latte di canapa in casa, altro procedimento artigianale abbastanza semplice e che viene ben spiegato all’interno di questo video. La bibita è vegetale, crudista e naturalmente non produce alcun effetto stupefacente, se ci fosse necessità di specificarlo (non si sa mai, visto che sul web si legge di tutto, spesso in modo non verificato e non solo su questi argomenti, purtroppo). Infatti a differenza della comune e più nota canapa indiana (nota anche come cannabis), la canapa di questo tipo, detta anche canapa sativa, è totalmente priva della parte psicotropa che la rende stupefacente, ovvero il THC.

Il video qui sopra ci è piaciuto particolarmente perchè, anzitutto, dipana molti dei dubbi più comuni su questo argomento, incuriosisce e sembra anche suscitare qualche diffidenza tra molti dei potenziali interessati. Inoltre la procedura qui indicata è piuttosto semplice e immediata da comprendere, e sicuramente è una buona guida per capire come fare il latte coi semi di canapa. Siamo molto sicuri di aver suscitato quantomeno la vostra curiosità con questo articolo, e di essere anche riusciti se non a risolvere qualsiasi dubbio ma anche, se vogliamo, darvi qualche spunto ulteriore per decidere come includere questo particolare tipo di frumento nella vostra dieta.

Foto di copertina: ElinorD, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Redazione

Articolo a cura di LeUltime.info.

Potrebbero interessarti anche...

Seguici sul canale Telegram ufficiale @leultime

Leultime.info è un progetto web Capolooper