Agorà

Giornata Mondiale della Salute

La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. (Art. 32 della Costituzione Italiana)

Oggi 7 Aprile ricorre il settantunesimo anniversario della Giornata Mondiale della Salute, istituita nel 1950 dall’Organizzazione Mondiale della Salute. Questa ricorrenza nasce dalla necessità di promuovere e salvaguardare il diritto alla salute come diritto di tutti, nessuno escluso.

Nell’articolo 32 della nostra Costituzione, il tema della tutela salute rappresenta un diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività, ed è un vero e proprio pilastro della nostra Costituzione. 

In questo momento storico, questa giornata riveste un ruolo particolarmente importante.

La tematica della salute è diventata al centro delle nostre priorità. Ora come non mai, abbiamo capito l’importanza di proteggere non solo la nostra di salute, ma anche quella degli altri e di chi è vicino a noi. 

Ma non solo.

Oggi un ringraziamento e un pensiero particolare è dedicato a tutti gli operatori sanitari, sempre in prima linea in questo drammatico anno di pandemia, eroi del nostro tempo che hanno deciso di dedicare la loro vita al servizio della tutela della salute degli altri. Come dei guerrieri non si sono mai fermarti in questa lotta difficilissima che ogni giorno sono costretti a combattere.

La pandemia ci ha fatto capire bruscamente quanto sia importante e prezioso proteggere la nostra salute, attribuendogli oggi come non mai, un valore inestimabile.

Che questa giornata possa servire ancora una volta a sensibilizzare tutti quanti nel continuare a seguire ed adottare comportamenti responsabili, perché in gioco c’è un bene dall’importanza inestimabile: la nostra salute e quella dell’intera collettività.

Foto di Gerald Oswald da Pixabay

Leultime.info è gestito e scritto prevalentemente da Salvatore Capolupo