Cosa fare a Rovigno

Rovigno è situata lungo la costa occidentale dell’Istria ed è veramente una cittdina deliziosa, un misto tra una città medioevale e un centro turistico moderno. Il centro urbano è posizionato su quella che un tempo era un’isola e lo stretto che la separava dalla costa è stato riempito durante il XVIII secolo.

Il centro storico è praticamente privo di parcheggi, specialmente per camper, ne esiste solo uno a nord del centro, sul mare. Arrivati a Rovigno da sud vediamo per prima cosa il porto, è stracolmo di pescherecci e alle sue spalle c’è una zona pedonale dove ci sono localini e ristorantini.

Vista l’impossibilità di fermarci nel centro del paese col camper, ci dirigiamo al campeggio POLARI. Questo campeggio offre molti servizi, dalle gite in barca alle escursioni via terra ed è veramente grande e ben organizzato. C’è anche un’area riservata ai naturisti.

👉 Pubblicità

Devi fare acquisti per la tua azienda? Prova Amazon Business

Il campeggio si raggiunge prendendo la strada litoranea che da Rovigno va verso sud; questa strada è senza uscita e vi porterà direttamente all’ingresso del campeggio. Sbrigate le formalità di check-in abbiamo scelto il posto migliore, come al solito a tre metri dal mare, abbiamo preso le montain bikes e siamo partiti alla volta della città vecchia. Dal Polari infatti è possibile raggiungere in bicicletta il centro storico percorrendo una splendida pista ciclabile sul mare, sulla quale si alternano piccole insenature e pinete.

Dopo una breve visita parentale, è ormai buio ed è ora di cena e quindì, affamati ci addentriamo e inerpichiamo per i vecchi vicoli per scovare qualche trattoria, pare che a Rovigno preparino piatti squisiti a base di pesce fresco pescato qualche ora prima, il tutto a prezzi abbordabili anche se oggi non è più come durante il comunismo quando si facevano delle grosse mangiate con 10 mila lire. Decidiamo di provare la trattoria “da Giannino”, il proprietario è Italiano. La cena è ottima e abbondante, si finisce con un carpaccio di tonno fantastico il tutto per la modica cifra di 20 euro a testa (compreso vino, caffè e digestivi).

I vicoli di Rovigno vecchia sono pieni di botteghe di artigiani ed artisti, si respira una strana aria, quasi di Italia, difatti qui è rimasta una consistente minoranza italiana che parla ancora il dialetto locale, con la tipica cadenza del nord-est. C’è però anche la presenza e i segni del popolo slavo e del passato regime comunista. Siamo in Croazia ma si parla italiano, non vi preoccupate. Una passeggiata obbligata è quella, peraltro non impegnativa, alla chiesa di Sant’Eufemia. Il campanile dl Sant’Eufemia, alto una sessantina dl metri, termina alla sua sommitá con la statua bronzea della Santa che il vento fa girare sul proprio asse. Si può salire sul campanile grazie ad una scala in legno molto vecchia a “prova di vertigini”, e da lì ammirare uno splendido panorama.

Ti potrebbe interessare:   10 luoghi da non perdere vicino Tropea

COME ARRIVARE

Noi siamo arrivati a Rovigno da sud, dopo aver percorso tutta la strada litoranea dallo sbarco del traghetto per Rab siamo entrati nella città di Fiume/Rieka (estremamente caotica) e ne siamo usciti imboccando la E751. Dopo circa un ora e mezza da quando abbiamo abbandonato Fiume siamo arrivati nel centro del paese.

Se siete in macchina e provenite dall’Italia, da Trieste seguite per Capodistria/Koper in modo tale da giungere al valico di Rabuiese, dal quale si entra in Slovenia. A questo punto imboccate la A1 in direzione Koper/Capodistria, e poi seguendo i cartelli per il confine per la Croazia uscirete dalla A1 e prenderete la E751. Questa è la strada che vi porterà nei pressi di Rovigno. E’ molto bella e panoramica, passa dall’entroterra e vi permette di osservare la folta vegetazione boschiva. Durante il regime comunista questa via era in pessime condizioni, oggi è ottima e percorribile senza problemi.

SPIAGGE E ISOLE

In Istria ci sono moltissime baie, insenature e isolette raggiungibili a piedi e con le barche. L’isola Sveta Katarina (Santa Caterina), e la Crveni otok (Isola di Sant’Andrea, un tempo chiamata Isola Rossa), sono raggiungibili con dei traghetti che partono ogni 30 minuti dal porto.

LIMSKI KANAL (Canale di Leme)

A nord di Rovigno il canale di Leme è un fiordo profondo 10 Km e largo fino a 500 metri di colore turchese, un tempo rifugio dei pirati che lo usavano come base per attaccare i veneziani. Nel canale, essendo una riserva marina, è vietato entrare con imbarcazioni e nuotare è permesso solo in alcune aree. E’ fiancheggiato da verdi foreste e qui si coltivano ostriche e cozze.
Limski Kanal

Ti potrebbe interessare:   Vacanze in Croazia: suggerimenti prima di partire

SCUBA DIVING

Il diving sta diventando uno “sport” sempre più popolare in Croazia. Qui il mondo sottomarino è pieno di bellezze e misteri, infatti i fondali istriani, oltre ad essere una ricca riserva di pesca, sono interessanti anche dal punto di vista archeologico. Le imbarcazioni che in passato navigavano lungo le coste trasportando vari generi alimentari e qui affondate ci hanno lasciato molti reperti molti dei quali ancora integri. La temperatura dell’acqua nelle stagioni estive varia tra i 23 ai 27 gradi, si può quindi nuotare piacevolmente da Maggio fino a Settembre.
Associazione sportiva Studi Nettuno
Centro immersioni Petra

IN BICI

L’Istria ha circa 60 sentieri percorribili in biciletta che si allungano su 1500 km, un vero paradiso per i bikers. Attenzione che la maggior parte di questi sentieri sono in montagna e richiedono una certa esperienza e preparazione atletica.
Istria Bike

FREE CLIMBING

Una delle caratteristiche dell’Istria è la sua conformazione geologica. Nella penisola ci sono numerose formazioni rocciose ideali per chi pratica l’arrampicata sportiva ed esistono oltre 300 vie tracciate, di varie difficoltà. Il Free climbing club organizza dei “climbing tours” anche per principianti accompagnati da una guida professionale.

GROTTE di Baredine

Le grotte di Baredine nel 1986 sono state proclamate monumento della natura. Si trovano vicino a Visignano a poca distanza da Parenzo.

Grotte Baredine

TERME d’Istria

Istarske Toplice è una località termale posta nella valle del fiume Quieto a circa 10 km da Montona con acque solforose e ricche di minerali. Le alte rocce sopra il sanatorio sono allestite per le arrampicate sportive.

👉 Pubblicità

Devi fare acquisti per la tua azienda? Prova Amazon Business

  • Terme Istarske
  • Terme Tuheljske
  • Terme Bizovacke
  • Strade del vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *