Le donne italiane hanno un problema col sesso nelle app di incontri

Le donne italiane hanno un problema col sesso nelle app di incontri

Le donne italiane hanno un problema col sesso nelle app di incontri

Chiunque abbia avuto la malaugurata idea di usare un’app di incontri lo sa: l’acchiappo è meno facile di quel che sembra. Ed in molti casi è colpa di noi uomini: riusciamo ad essere particolarmente goffi con chi ci piace di più, molti di noi sono mammoni e ignoranti, poco autonomi, poco uomini, poco sinceri, troppo abituati ai film porno, sleali ed approfittatori con le donne. Alcuni di noi, particolarmente spregevoli, arrivano ad usare la violenza deliberatamente nei confronti delle donne, o le considerano a prescindere bambole gonfiabili, casalinghe represse e via dicendo – e questo, ovviamente, mi provoca un profondo disgusto in generale.

Ma c’è un ma, e non vi piacerà.

Lo dico molto sinceramente: a volte voi donne fate passare la voglia. Qualche giorno fa ho provato ad installare un’app di incontri che sembrava interessante: parlo di YoCutie, una specie di Tinder ma molto meno greve, almeno all’apparenza – più carino, più usabile, più amichevole, e soprattutto più ricco di donne “normali”. Donne di ogni genere, alcune visibilmente sole e segnate dalla solutudine, altre volte dall’aria spensierata, bella, leggera, altre ancora poco curate ed un po’ troppo punkabbestia.

👉 Pubblicità

Incontri Online Reali Iscriviti adesso!

Bene, ho provato l’app, scritto due cose sul mio profilo, postato una foto in cui attizzo (almeno così mi hanno detto). Curiosando tra i profili e le relative descrizioni, cosa che faccio sempre per evitare che io, in fissa col veganesimo ed appassionato di jazz e tennis, mi ritrovi a trascorrere una serata di merda con chi ama solo le lasagne di carne, la disco-music e il ballo latino-americano, ho letto delle descrizioni che ho trovato francamente inquietanti.

Le descrizioni, per intenderci, sono quelle associate alle nostre foto profilo, in cui racconti qualcosa di te. Alcune scrivevano cose abbastanza fuori dal mondo, secondo me, oltre che improduttive ed insensate per il contesto in cui si trovavano.

“no contatti da porc1 skifos1”

In certi casi erano cose innocenti, all’apparenza, probabilmente frutto di una frustrazione latente e rabbiosa: le donne che cercano l’Amore, quello dei films, quello bello, quello idealizzato, quello immaginario, quello che quasi nessuno trova mai, e sembra considerino il sesso come una cosa bestiale, indegna, frutto dell’accoppiamento tra Satana ed un caprone. Ma non era un’app di incontri?

OK, un conto è mettere le cose in chiaro, e ci sta tutto: è proprio cosa uno stia cercando a fare la differenza. Una delle cose che ho sempre sofferto delle mie relazioni a qualsiasi livello, del resto, dai flirt per strada ai fine settimana a base di sesso con qualche fidanzata, è la mancanza di chiarezza intenzionale, cronica (nella mia esperienza) per circa il 95% delle donne.

A quel punto è chiaro cosa intendo, spero: se più della metà del mio campione di donne su YoCutie scrive nella propria descrizione cose tipo:

“sono un fiore e bisogna sapermi cogliere + [frase filosofica]”

“mettiamo subito in chiaro che non cerco conoscenze per sesso”

“cerco Amore quello Vero con la V maiuscola, non sesso”

” vuoi solo scopare? io no: io cerco i cari bei uomini di una volta”

“se volete soltanto scopare non contattatemi” (ma è un’app di incontri o cosa, ho pensato leggendo, nda)

A leggere cose del genere, a noi ometti viene solo voglia di bestemmiare l’intero calendario.

Ti potrebbe interessare:   Glossario porno: 69

Tanto per cominciare, signore, nel sesso non c’è nulla di male: semplicemente, si fa quando e se si ha voglia, e se si ha la fortuna di conoscere le persone giuste per farlo. Ed è un’esperienza meravigliosa, anche se capita occasionalmente, e questo solo quando è desiderato da entrambe le parti. Possibile che la solitudine vi abbia reso aride, acide ed inarrivabili fino a questo punto?

A me sembra pure che a queste donne – fermo restando i difetti maschili sopra-elencati che sono di tutti, me incluso – sfugga un semplicissimo concetto: scopare non è IL MALE, tantomeno significa mettersi ai piedi del Padre Maschio Padrone, non significa che sarete stuprate, non significa che ci sia qualcosa di sbagliato nel farlo, non significa neanche che dobbiate demonizzare chi, a volte per sincerità estrema altre per disinibizione completa, ammette di stare cercando quello. Si fa, e basta, e se non si vuole fare personalmente sono sempre il primo a farmi da parte e lasciarvi in pace, credetemi.

Ma almeno dateci la possibilità di avvicinarvi, e dite POI di no, eventualmente, non prima.

Non sopporto davvero che mi contattino ragazze e donne che scrivono robe del genere e che si presentano, malamente, con lo spirito provinciale della comare anni ’50 – CHEPPERO’ si sente young nello spirito. Il messaggio che coglieranno certi uomini è ancora peggiore di quello che pensate: ah, queste sono le classiche pornostar represse. È anche una forma di autodifesa e, entro certi limiti, potrei addirittura capirlo se fosse detto dopo, non prima. Del resto, a fronte di questo penoso moralismo di quartiere (perchè questo è), spero non siate le stesse donne che mettono entusiasticamente i soldi negli slip dei tizi muscolosi, magari giusto il giorno dell’8 marzo.

Ovvio, ma mica tanto ovvio: se un’app è pensata per gli incontri, si presuppone che il sesso possa essere una componente degli stessi – non obbligatoria, ci mancherebbe altro, ma deve esserci. Sennò tanto vale usare Instagram o Facebook, e come va va. Non vi sembra di complicarvi la vita, in questo modo? Io non ho alcun incentivo a contattare una che scrive nella descrizione “giusto per mettere le cose in chiaro, non cerco SOLO SESSO“,  e molte volte ho rinunciato a malincuore perchè per me, quelle donne, pur non essendo Gal Gadot, avevano qualcosa di affascinante – un vero peccato.

Ti potrebbe interessare:   Glossario porno: Anilingus

OK, d’accordo la ricerca dell’amore, sentimento nobile come pochi: ma l’amore vero matura, non può mai nascere con l’intenzione pregiudiziale AH MA IO 100% AMORE NO SCOPARE E BASTA: ed il fatto che voi lo cerchiate con tanto pregiudizio, alla fine, significa che forse mai avete avuto occasione di averne uno. Chi scrive, ad esempio, ha avuto solo tre amori veri, e nessuno dei tre – ve lo garantisco – è mai partito da presupposti tanto tenebrosi e squadrati come quelli scritti, malamente, ed elencati qui sopra. In almeno due casi, del resto, è partito da un’ottima intesa sessuale, nata un po’ per gioco – un po’ per azzardo di entrambi.

Senza sesso, stiamo parlando solo di scrivere cazzate in chat per passare il tempo e lavarsi la coscienza, per poter poi dire agli amici “ah ma io mi metto sempre in gioco, ho 59 anni e sono single da 35“.

👉 Pubblicità

Vuoi ascoltare in streaming senza limiti? Prova Amazon Music gratis per 30 giorni!

Mettersi sul piedistallo in quel modo a me sembra assurdo: tanto più che, lo ripeto, se scopare con uno sconosciuto fosse vietato o bandito addirittura dalle app di incontri, siamo alla frutta e meritiamo l’estinzione.

E a quel punto noialtri non accettiamo più nulla, e degeneriamo nell’intolleranza e lo spregio del genere femminile tipico di chi, ad esempio, va a mignotte. Perchè in fondo, così facendo, non sarà il massimo e non sarà bello da dire, ma si fa prima: l’emozione del prima è quasi uguale, la fisicità del sesso non cambia, il risultato o obiettivo è raggiunto con maggiori probabilità. E ci risparmiamo pure serate amare a chiederci che cazzo ci sia passato per la mente nel contattarvi e chiedervi di uscire, notti insonni a fissare il soffitto e chiederci “perchè no“, e via dicendo.

E se pensate che il mio sia un discorso troppo calcolato o addirittura cinico, facciamo una cosa: leggetevi il post sul perché ho smesso di essere un bravo ragazzo, e poi ne riparliamo. Ma forse, temo, con molte di voi non vale manco la pena discuterne. E questa cosa, francamente, dispiace molto. Io nel frattempo faccio una telefonata all’amica di prima, quella che mi ha detto che in quella foto attizzo, e – alla faccia di ogni rischio friendzone – le chiederò di bere qualcosa assieme, una di queste sere.

Ghostwriter e nerd letterario. Di base sono un consulente esperto di IT, ma non ditelo al mio capo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *