Come provare a farsi dei veri amici

Pensa ai tuoi amici più cari e a come sono nate queste amicizie. Ti ricordi come è nata l’amicizia? Quanto tempo è trascorso? Cosa vi state donando a vicenda? Quali bisogni state soddisfacendo nella vita l’uno dell’altro? Sei contento di questo stato di cose, o potrebbe andare meglio?

Una delle più grandi fonti di gioia nella vita di ognuno sono i migliori amici, secondo noi. Persone che portano entusiasmo e novità nella tua vita. Chi mi espone a nuove esperienze e modi di vedere il mondo. Chi ha il coraggio di criticarti, quando serve, e ti aiuta a tenere gli occhi aperti. Chi ti aiuta ad imparare, a sottolineare le tue difficoltà  in modo costruttivo e a correggerti quando sbagli. A chi puoi appoggiarti quando ho bisogno di supporto e chi a sua volta si appoggia a te. Amici che ti aiutano a crescere di più nel tipo di persona che voglio essere.

Sono particolarmente grato per questo, perché fino a circa 4 anni fa non avevo veri amici nella mia vita. Avevo amici, ma ho faticato a formare veri legami emotivi. Inoltre, non mi è nemmeno venuto in mente che avrei potuto provare a farlo. Non che sapessi come stringere amicizie strette, ma ero troppo ansioso per provarci, anzi, “provare a stringere amicizie strette” era un qualcosa di non previsto, qualcosa che non mi era neanche passato per l’anticamera del cervello. E uno dei miei esperimenti che mi ha cambiato la vita è stato realizzare che era qualcosa che volevo, e in realtà cercare di formare intenzionalmente veri amici.

È facile scivolare in una mentalità passiva a questo punto, pensare alle connessioni emotive come “qualcosa che richiede tempo” o “deve accadere naturalmente”. Che essere intenzionali riguardo alle cose è in qualche modo poco autentico. Penso che questa mentalità sia almeno in parte sbagliata, anche se poi è vero che (come avviene col vero amore) non si possono bruciare le tappe. Le nostre amicizie più sentite sono una delle componenti più importanti della felicità della mia vita. Lasciare tutto al caso sembra quasi perdere un’opportunità pazzesca, anche se poi spesso non è davvero così. Come per tutte le cose importanti nella vita, possiamo ottimizzare, o provare a farlo per stare un po’ meglio. A volte, e parlo per esperienza diretta, si può stare meglio anche solo provando a fare qualcosa di diverso, addirittura a prescindere dall’esito finale della tua storia.

Nota. Questa non è una ricetta assoluta e non funziona al 100% per chiunque. Sii te stesso, sempre.

Quando ero a scuola, non ho mai avuto amici veri. Avevo amici, persone che mi piacevano, persone con cui passavo del tempo, la cui compagnia mi piaceva e tutte le classiche cose che succedono a scuola. Ma ero piuttosto terribile nel mio modo di pormi, mi sentivo imbranato e non riuscivo a formare connessioni emotive. Per mesi ho fantasticato su compagne di classe di cui sono stato innamorato per anni senza dirglielo, e con cui riuscivo a malapena a parlare. Per gli amici, ne avevo davvero pochi e quei pochi erano come me: introversi, poco connessi col mondo, persi nella musica, nel computer, nella lettura. Le altre amicizie raramente andavano oltre un livello meramentente superficiale. Mi aspettavo che qualcosa cambiasse, ed è cambiata in modo molto diversa da come avrei immaginato all’epoca (questo mi sembra importante da scriverlo)

Trovo difficile fare introspezione su come fosse esattamente l’esperienza interna del passato di Neel, ma penso che il fulcro fosse che provare non era disponibile come possibile azione. Che ho passato gran parte della mia vita a fare ciò che sembrava socialmente convenzionale, normale e previsto, per il ruolo in cui mi vedevo. E “fare di tutto per formare connessioni emotive” non faceva parte di questo. Non è stata un’azione che ho considerato, soppesato i costi e i benefici e deciso contro – non mi è mai venuto in mente di provarci. Non sembrava che mancasse un vuoto nella mia vita: le cose sembravano semplicemente normali. Era come giocare a un videogioco e avere un elenco di azioni tra cui scegliere, come “chiedere della loro giornata”, “lamentarsi di un’esperienza condivisa” o “discutere qualcosa di interessante che ho imparato di recente”; ma questo elenco non conteneva nulla su “formare intenzionalmente una connessione emotiva”. Non era nella mia classe di riferimento di cose che potevo fare.

Una delle parti fondamentali della mia filosofia di vita ora è la capacità di agire, di fare davvero le cose. L’abilità di fare di tutto per creare opportunità. Per identificare ciò che manca nella mia vita e nel mondo. Trovare le azioni che non ho bisogno di compiere, che nessun altro mi farà compiere, o che farà per me, e decidere di compierle comunque. Riparare ciò che è rotto. Trovare ciò che non è rotto e decidere di migliorarlo comunque. Esplorare e provare cose nuove. Sfidare la mia immagine di me stesso e crescere. Fondamentalmente sfuggire alla mentalità di aver bisogno del permesso e superare l’illusione di non fare nulla. Penso che questa sia una delle abilità più preziose che chiunque possa apprendere e che adoro, anche se sono tutt’altro che perfetto. E questa esperienza è una grande parte del motivo per cui la apprezzo. Non rendermi conto che potevo fare amicizia intima è stato un fallimento dell’agenzia, uno sconosciuto-ignoto che ha tagliato un’enorme quantità di potenziale felicità, senza nemmeno rendersene conto.

Ma se sei arrivato fin qui vuoi arrivare al punto, come si fa a farsi dei veri amici?

Nonostante tutti questi discorsi sul libero arbitrio, sono inciampato nella mia via d’uscita da questo problema praticamente per caso. Quando avevo 18 anni, nel mio ultimo anno di scuola, sono finito in una relazione romantica a lungo termine (con una ragazza che, per mia fortuna, era più portata di me a prendere l’iniziativa!). E questa è stata una delle mie prime volte in cui ho sentito davvero una connessione profonda ed emotiva con qualcuno. E, sorprendentemente, ho scoperto che era fantastico e ha aggiunto molto alla mia vita! E inoltre, ho ottenuto un mucchio di superficie su come si sentivano effettivamente le connessioni emotive e su come si sono formate. Quella relazione è finita durante il mio secondo anno di università. E come parte del tentativo di andare avanti e riprendermi, ho fatto molta introspezione su come la relazione mi aveva cambiato e cosa ora sembrava mancare dalla mia vita. E una delle cose più grandi che mancavano era avere una profonda connessione emotiva con qualcuno. Quindi ho deciso di risolvere il problema.

L’ovvia domanda successiva era: cosa fare?

Ho fatto un elenco di tutte le persone che consideravo amici intimi o intimi e ho cercato di capire come siamo diventati tali.

Ho identificato i principali cambiamenti nella nostra relazione dopo intense conversazioni uno a uno, in cui eravamo entrambi emotivamente vulnerabili e autentici e parlavamo di cose personali. Quindi, per fare più amici intimi, tutto quello che dovevo fare era progettare più di queste conversazioni uno a uno!

Un modo decente di progettare un’autentica conversazione 1-1 è affrontare insieme una serie di domande personali e che in qualche modo inducono o suggeriscono vulnerabilità. Quindi ho stilato un elenco di domande che ritenevo interessanti, che mi aspettavo portassero a conversazioni autentiche e vulnerabili. Andateci piano nel farle: alcune potrebbero irritare le persone che ancora conoscete poco, per cui – per dirla così – datevi i giusti tempi.

Le mie domande preferite annoverano ad esempio:

  • Qual è il modo migliore per conoscerti?
  • Quali tratti invidi/apprezzi in chi ti circonda?
  • Cosa ti fa sentire insicuro?
  • Qual è la storia della tua vita?
  • Cosa apprezzi nelle amicizie?
  • Quali sono i modi migliori che aggiungono alla tua vita?
  • In che modo, di solito, ti avvicini alle persone?
  • Se potessi progettare un insieme personale di norme sociali per il modo in cui i tuoi amici interagiscono con te, quali sarebbero?
  • Come ti descriverebbero le altre persone? Come si confronta questo con il modo in cui vuoi essere percepito?
  • Di cosa ti interessi davvero nella vita?

Immagine generata da DALL E – Articolo liberamente ispirato a Intentionally making close friends.