Sì, vengono ancora stampate anche nell’era del web e del porno facile ad ogni costo: basta andare a vedere nelle edicole, dove vengono ancora oggi richiesti con grandissima frequenza, spesso tra imbarazzo generale e soprattutto se l’edicolante non è troppo discreto. Sotto casa mia, ad esempio, se ne trovano ancora: ma è raro vedere qualcuno che se le compri. Eppure ci sono: quindi tanto vale capire perchè abbiano ancora successo.

Perchè i giornali porno cartacei riescano ad avere un certo riscontro positivo di vendite (fatturano circa 2 milioni di euro all’anno, secondo dati non ufficiali) ancora oggi, nel 2019, rispetto ai classici siti porno, non è un mistero: con internet basta curiosare nella cronologia del browser di chiunque, alla fine, ed è molto semplice essere scoperti, anche senza preavviso. La cara vecchia rivista hard, invece, è facile da nascondere anche se non è del tutto esente da rischi.

Ti potrebbero interessare:  Come essere più fortunati: un libro da rivalutare e leggere di nuovo

E chi ha almeno 30 anni oggi, sa bene di che cosa stiamo parlando: nascoste sotto al letto, nei posti più improbabili in genere, stampate su carta patinata e con le orecchiette per segnare le pagine più interessanti. O no? Siamo sicuri che tutti, oggi, ricordano bene quei tempi in cui non era necessario usare la navigazione anonima o ricordarsi di svuotare il proprio smartphone dalle tracce indesiderate.

Su Ebay è già partita la caccia al numero raro o introvabile, del resto. Un giorno, ne siamo sicuri, le riviste porno saranno veri e propri cimeli per collezionisti.

Ti potrebbero interessare:  Guida rapida ai Tipi di stampanti

Foto di Luis Wilker WilkerNet da Pixabay

Di leultime.info

Leultime.info è un blog collaborativo che ispira armonia. Sul nostro blog, promuoviamo un approccio sostanziale alla comunicazione, incoraggiando a condividere opinioni in modo costruttivo e rispettoso. Gli articoli non riflettono necessariamente la visione del proprietario del progetto.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo blog sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.