Collare di Schanz: cos’è e come scegliere il più adatto

Che cos’è il Collare di Schanz

Il Collare di Shanz, conosciuto anche semplicemente come collare cervicale, è un dispositivo che viene utilizzato in ambito medico per trattare in modo accurato numerose patologie. Il Collare di Shanz può essere rigido, semi rigido o anche morbido. Viene realizzato in polietilene con la presenza di fori di aerazione e presenta una morbida e confortevole imbottitura sul bordo circostante in gomma schiuma rivestita in lycra. E’ fondamentale acquistare la misura ideale per riuscire a ottenere una giusta stabilizzazione della parte facendo in modo che l’attività respiratoria e la deglutizione avvengano senza alcun tipo di fastidio. Il dispositivo può essere comunque regolato all’altezza necessaria seguendo le disposizione mediche. La chiusura avviene nella parte posteriore mediante un semplice sistema a velcro.

Quale è la funzione del Collare di Shanz?

Il Collare di Shanz è stato ideato con il primario obiettivo di riuscire a proteggere il rachide cervicale immobilizzandolo del tutto. Questo strumento medico serve per il trattamento delle articolazioni e aiuta il più delle volte a evitare lo schiacciamento delle vertebre o peggio ancora la distruzione dei legamenti a causa di movimenti sbagliati. Il dispositivo regala ottimi vantaggi per coloro che soffrono di torcicolli miogeni, ernie cervicali, di colpo di frusta in seguito ad un improvviso trauma o ancora di nevralgie cervico-branchiali. Il collare riesce a bloccare completamente rotazioni spontanee del collo che andrebbero a lesionare irreparabilmente le vertebre. I collari Schanz con regolazione a baionetta possono anche essere adoperati da anziani e disabili per un’utilità di appoggio mentoniero. In questo caso è però fondamentale frazionare il tempo di utilizzo per non creare una grave lassività dei muscoli.

Ti potrebbe interessare:   Fai la scelta corretta per il tuo Materasso: Aiuta a conciliare il sonno

Come scegliere il Collare di Shanz più adatto

In commercio esistono diverse tipologie del Collare di Shanz studiate appositamente per curare differenti problemi. Sul sito ufficiale www.sanort.com è possibile scegliere quello più adatto. Di solito il collare morbido viene indossato per andare a trattare casi di rilevanza minore come, ad esempio, un fastidioso torcicollo o anche un’ernia cervicale. Questo specifico modello diversamente dagli altri può anche essere adoperato durante la notte. Il collare di Shanz rigido o semi-rigido è proposto dal medico per curare traumi importanti come ad esempio il colpo di frusta. Tale strumento sostenendo la testa ha il preciso scopo di diminuire il carico che si andrebbe, invece, a riversare direttamente sulla colonna vertebrale. Questi dispositivi rigidi e semi-rigidi, rispetto a quelli morbidi, hanno nel corso della giornata un determinato tempo di utilizzo. Indossarli, infatti, per troppe ore creerebbe una seria inattività dei muscoli del collo con un’evidente riduzione della tonicità. Spesso a causa dell’invecchiamento alcuni anziani possono soffrire di infiammazioni o di artrosi. In questi casi viene indicato il collare Shanz semi-rigido. Uno stile di vita sbagliato, una postura non corretta o errati movimenti anche durante l’attività sportiva possono sviluppare patologie muscolo-scheletriche e neuro-muscolari che dovranno poi essere curate tramite collari cervicali appropriati.

👉 Pubblicità

Musica in streaming senza limiti? Prova Amazon Music gratis per 30 giorni!

👉 Pubblicità

Devi fare acquisti per la tua azienda? Prova Amazon Business

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *