Nel 1904 Rubel, un litografo statunitense, scoprì casualmente la possibilità di stampare con precisione una qualunque immagine da una tela gommata, da cui nacque il primo prototipo di macchina offset. Essa era basato su tre cilindri che venivano utilizzati per effettuare stampe con assoluta precisione sia di testo che di immagini. ll principio fondante è molto simile a quello su cui si basa la litografia: mentre quest’ultima presenta una pietra o una lastra di alluminio a contatto con il foglio, nel caso della offset si utilizzano tre cilindri a contatto.

Le pagine da stampare sono tutte montate su una pellicola che viene usata per incidere una lastra di alluminio, di vari formati e dimensioni; è una stampa per contatto e a pressione, che sfrutta un rullo di caucciù rotante. L’inchiostro viene prelevato e miscelato appositamente, e poi si trasferisce per pressione sul foglio fino ad ottenere il risultato desiderato. Le motivazioni del successo della stampa offset sono dovute all’ottima qualità ottenibile in fase di stampa, alla versatilità per qualsiasi necessità, alla scarsissima usura ed alla qualità che rimane costante nelle varie tirature. In media si riescono a stampare in offset da 4000 fino a 50000 fogli / ora, per cui sono ideali per stampare su grosse tirature.

Ti potrebbero interessare:  Che significa indefesso

 

Nella GIF seguente viene mostrato, come esempio, il processo di stampa di un rivista: si parte da sottili lastre di alluminio, ognuna delle quali può contenere fino a 8 pagine alla volta, ed immerse in un fotopolimero, in grado di alterarsi chimicamente alla luce. La lastra viene poco dopo impressa con i colori nero, verde, rosso e giallo. Per ogni pagina sono necessarie una singola lastra per la stampa B/N e quattro per quella a colori.

Ti potrebbero interessare:  Bias cognitivi: cosa sono e come ci influenzano

Alla fine del lungo processo di stampa offset, le pagine vengono stampate, tagliate ed impaginate. I maggiori vantaggi del procedimento di stampa offset sono legate alla possibilità di usare tecniche fotomeccaniche di stampa, una sostanziale riduzione di tempi e costi di stampa, l’aumento della velocità di produzione delle copie su grosse tirature.

Di leultime.info

Leultime.info è un blog collaborativo che ispira armonia. Sul nostro blog, promuoviamo un approccio sostanziale alla comunicazione, incoraggiando a condividere opinioni in modo costruttivo e rispettoso. Gli articoli non riflettono necessariamente la visione del proprietario del progetto.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo blog sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.