MacOS 11.0: arriva Big Sur, cosa cambia

Con l’avvento di Big Sur, nome in codice per la versione 11.0 di MacOS, sembra che l’era dei Mac OS X sia sostanzialmente finita. Per la prima volta dopo moltissimi anni, infatti, Apple ha deciso di incrementare il numero di versione del sistema operativo del Mac. La modifica ha lo scopo di richiamare l’attenzione sia sulla transizione in attesa di Apple Silicon: Big Sur sarà la prima versione di macOS a funzionare sui chip Apple, anche se non è la prima a richiedere quei chip, sia su una riprogettazione al gusto di iPad che in modo significativo rivede l’aspetto, la sensazione e il suono del sistema operativo per la prima volta da molto tempo. Anche l’aggiornamento Yosemite post-iOS-7 si è preso la briga di mantenere la maggior parte delle cose nello stesso posto in cui ha cambiato il loro aspetto.

Ma a differenza del passaggio da Mac OS 9 a Mac OS X, dove Apple ha spazzato via quasi ogni aspetto del suo precedente sistema operativo e ne ha costruito uno nuovo dalle fondamenta, macOS 11 è ancora fondamentalmente macOS 10. I primi rilasci del software in beta sono stati etichettati come macOS 10.16, e Big Sur può ancora identificarsi come versione 10.16 con la massimizzazione della compatibilità con le vecchie app. Quasi tutto continuerà a funzionare allo stesso modo o, almeno, Big Sur non interrompe la maggior parte dei software più di quanto facessero gli aggiornamenti di macOS 10 precedenti. In teoria, parliamo di una transizione molto graduale che non dovrebbe dare fastidio agli utenti medi. Nella pratica, ci sono app come quella di TOR, il browser anonimo per internet, che con l’aggiornamento del nostro Mac hanno smesso di funzionare, e richiedono un aggiornamento.

Mac con sistema operativo Big Sur sarà in grado di funzionare sia su processore Intel che su CPU Apple Silicon Mac. Nella misura in cui è possibile fare a meno dell’hardware finale in mano, tratteremo le nuove funzionalità di macOS che saranno native dei Mac Apple Silicon e delineeremo come andrà il lato software della transizione.

Big Sur supporta le seguenti versioni, ufficialmente:

MacBook (2015 o più recente)
MacBook Air (2013 o più recente)
MacBook Pro (fine 2013 o più recente)
Mac mini (2014 o più recente)
iMac (2014 o più recente)
iMac Pro (2017)
Mac Pro (2013 e versioni successive)

Se possiedi un vecchio Mac di cui sei ancora soddisfatto, hai alcune opzioni. Puoi continuare a eseguire Mojave o Catalina, a seconda della versione con cui sei più soddisfatto. Apple in genere supporta le due versioni precedenti di macOS con aggiornamenti di sicurezza e nuove versioni di Safari, quindi Mojave dovrebbe essere supportato per un altro anno e Catalina dovrebbe avere due anni di patch rimanenti. Apple potrebbe apportare alcune modifiche a iCloud o ad altri servizi che interrompono determinate funzionalità (le modifiche ad app come Note, Foto e Promemoria, in passato, le hanno impedite di sincronizzarsi correttamente con le versioni precedenti di macOS e iOS), ma il sistema operativo se stesso e la maggior parte delle app di terze parti continueranno a funzionare correttamente e sarai comunque ragionevolmente sicuro.

Quando le versioni precedenti di macOS hanno abbandonato il supporto per i modelli precedenti, c’era una sorta di ragione legata all’hardware: Lion richiedeva un processore Intel a 64 bit e Mojave richiedeva una GPU compatibile con Metal, ad esempio. Ma più recentemente Apple ha deciso di abbandonare il supporto per i Mac proprio nel momento in cui diventano “obsoleti”, secondo le politiche usuali di supporto tecnico dell’azienda. Tutto ciò che Apple ha smesso di vendere più di sette anni fa è considerato “obsoleto” e questi dispositivi non possono essere riparati presso un Apple Store o tramite il servizio di riparazione postale di Apple. Sebbene ci siano delle eccezioni, tale hardware di solito non sarà ufficialmente supportato nemmeno dalle versioni più recenti di macOS.

Mettendo da parte le obiezioni più ampie sul modo in cui Apple gestisce il supporto del software, non c’è motivo immediatamente evidente per cui un Mac che esegue Catalina non sarebbe in grado di eseguire Big Sur: il Mac più sfortunato quest’anno è l’iMac 2013. Questi modelli hanno le stesse identiche CPU e GPU degli altri Mac dell’era 2013 che sono ancora supportati, ma Big Sur non funzionerà su di essi senza modifiche. Apple non risponderà alle domande sul motivo per cui questo o quello specifico modello di Mac ha fatto o meno l’elenco di supporto, ma l’hardware di questi iMac è praticamente identico ai MacBook Pro della fine del 2013 ancora supportati. Se pensi che non abbia senso, sono d’accordo con te.

Poiché elimina il supporto per alcuni Mac meno recenti, alcune funzionalità che non funzionavano sui vecchi Mac Catalina ora funzioneranno su tutti i Mac Big Sur. Ciò include il supporto della crittografia Wi-Fi WPA3 e lo sblocco di Apple Watch.

Una funzionalità di macOS che richiede ancora un Mac più recente è Sidecar, la funzione Catalina che ti consente di utilizzare un iPad come monitor esterno per il tuo Mac. Poiché si basa sul supporto dell’accelerazione hardware per la codifica video HEVC, è limitato ai Mac con processori Intel di sesta generazione (Skylake) o più recenti. Nei Mac con chip Apple T2, T2 gestisce invece questa codifica. Quell’elenco di hardware include:

MacBook (inizio 2016 o più recente)
MacBook Air (2018 o più recente)
MacBook Pro (2016 o più recente)
Mac Mini (2018 o più recente)
IMac da 27 pollici (fine 2015 o più recente)
IMac da 21,5 pollici (2017 o più recente)
iMac Pro (2017)

Esistono altre funzionalità di macOS che richiedono un Mac più recente con un chip Apple T2, come il supporto Hey Siri sempre attivo, il blocco di attivazione, il supporto dello streaming 4K HDR e l’avvio più sicuro che impedisce il caricamento di sistemi operativi non firmati o l’avvio da unità esterne per impostazione predefinita. Ma poiché la maggior parte di questi non sono esclusivi di Big Sur (e poiché alcuni di essi potrebbero essere descritti come “limitazioni” piuttosto che “funzionalità”) non li tratteremo qui. E, naturalmente, solo i Mac con Touch Bar e pulsanti Touch ID beneficiano di eventuali modifiche o miglioramenti che coinvolgono una di queste funzionalità (non che ce ne siano state di cui parlare in questa versione).

L’installazione di Big Sur richiede circa 13 GB liberi sul disco, e per effettuarla sul nostro Macbook Air è stato necessario spostare documenti e download su un disco esterno, cancellando anche alcune app che occupavano molto spazio (GarageBand, iMovie) con l’idea di reinstallarle in seguito. Un passaggio che potrebbe risultare ostico per alcuni utenti che vorranno aggiornare, e del quale forse Apple non ha tenuto troppo conto. Per il resto, ci sono due modi per pensare a come Big Sur cambia l’aspetto del Mac.

Se utilizzi Mac da molto tempo, immagina uno slider che va da uno a dieci, con “Snow Leopard” a uno e “iPad OS” a dieci. Se le versioni di macOS post-Yosemite impostano quel cursore a circa quattro, Big Sur lo compone fino a circa sei. Forse 6.5.

Puoi anche confrontarlo con il modo in cui Apple ha sviluppato iPadOS negli ultimi due o tre anni, aggiungendo un dock, migliorando il multitasking e implementando un supporto più robusto per tastiera e mouse. Queste modifiche hanno aggiunto fioriture Mac-ish all’iPad senza renderlo non l’iPad. Big Sur rende il Mac un po ‘più iPad-y senza renderlo non il Mac.
Nozioni di base: finestre delle app

In un certo senso, Big Sur cambia l’aspetto fondamentale del Mac in modo più significativo di qualsiasi aggiornamento dai primi giorni di Mac OS X. In altri, rimane visivamente e funzionalmente identico a Catalina. Nel complesso, Big Sur sembra familiare, ma non tutti i cambiamenti saranno per i gusti di tutti.

Cominciamo dalle basi: il modo in cui le finestre delle app si sovrappongono e interagiscono sullo schermo. Un’importante distinzione tra macOS e iPadOS è il multitasking a finestre del Mac, che richiede un uso più forte delle ombre (per mostrare cosa c’è sopra cosa) e una chiara delineazione tra le finestre delle app attive e inattive. Windows deve essere in grado di mostrare avvisi e richieste e selettori di file quando necessario.

Redazione

Articolo a cura di LeUltime.info.

Potrebbero interessarti anche...

Seguici sul canale Telegram ufficiale @leultime

Leultime.info è un progetto web Capolooper