In questo articolo proponiamo una rassegna delle principali tecniche di stampa.

Xilografia

La tecnica della xilografia (dal greco “scrivere sul legno”) è una delle più antiche, e sembra risalire alla Cina dell’anno 868 d.C.; in Europa l’introduzione di questa tecnica di stampa risalirebbe, invece, al XIII secolo, soprattutto per illustrazioni ed immagini religiose. Con questa particolare tecnica il soggetto viene prima disegnato su un blocco di legno levigato, rimuovendo con tecniche di intaglio le parti necessarie a dare la forma.

La matrice ottenuta viene quindi inchiostrata e la stampa avviene mediante semplice pressione.

Incisione a bulino

Il bulino è un antico procedimento calcografico, ed è un procedimento utile per incidere come si desidera il metallo. Il bulino non è altro che un piccolo scalpello utilizzato allo scopo di ottenere le matrici per la successiva stampa.

Acquaforte

Questa tecnica consiste nel corrodere una lastra di metallo (rame o zinco) con un acido, al fine di ricavarne immagini da trasporre su un supporto cartaceo per mezzo di colori. La lastra viene ripulita e smussata ai bordi con carta smeriglio, poi sgrassata nella parte lucida con ovatta intrisa, per esempio, con bianco di Spagna (carbonato di calcio) sciolto in acqua.

Ti potrebbero interessare:  Sistema audio per microfoni teatrali: come si realizza

Mezzotinto

Altra tecnica di incisione tradizionale ottenuta ricavando le parti chiare su una lastra preparata in precedenza a puntasecca con un berceau.

Acquatinta

L’acquatinta è un’altra tecnica di incisione indiretta su rame o zinco che consiste nell’arricchire una matrice (stampa) di toni chiaroscuri.

Puntasecca

La puntasecca è una tecnica incisoria di stampa in cavo: inizialmente il termine indicava lo strumento di acciaio, ma in seguito si è esteso anche alle matrici e soprattutto alle stampe stesse.

Giclée

Giclée è il processo di stampa su carta (o tela) di opere d’arte digitali usando una stampante altamente professionale, piuttosto diversa da quelle comunemente usate a casa o in ufficio, a getto d’inchiostro. Queste stampanti utilizzano il processo colore denominato CMYK, ma possono avere più cartucce per le variazioni di ogni colore in base al modello di colore CcMmYK; questo aumenta la risoluzione apparente e la gamma di colori e permette transizioni e gradazioni più agevoli.

Ti potrebbero interessare:  Shottini: cosa significa?

Una grande varietà di supporti sono oggi disponibili, tra cui varie strutture e finiture, come la carta fotografica opaca, la carta da acquerello, la tela di cotone o il supporto artistico di vinile.

Serigrafia

La stampa serigrafica è una tecnica di stampa di tipo permeografico, che utilizza oggi come matrice un tessuto di poliestere teso su un riquadro in legno o metallo definito come quadro serigrafico o telaio serigrafico. Il tessuto utilizzato è definito anche tessuto per serigrafia o tessuto serigrafico.

Stampa in digitale

Sulla stampa digitale bisognerebbe aprire un capitolo a parte, per considerare tutto ciò che viene comunemente incluso nella stampa di questo tipo. Le più moderne tipografie sia online che offline tendono ormai a stampare per i propri clienti al fine di realizzare prodotti di ogni genere, dalla cartotecnica fino ai pannelli pubblicitari, in linea di massima senza alcun limite di colori o dimensioni del supporto. Ormai non si è in grado di stampare solo su carta in modo tradizionale, come potremmo fare con una delle comuni stampanti domestiche o da ufficio, ma anche su materiali di altro genere: espositori avvolgibili che vediamo durante le fiere, cartellonistica, pannelli stradali pubblicitari, packaging e labeling di prodotti sono tutti realizzati da aziende tipografiche diffuse a livello nazionale.

Ti potrebbero interessare:  Come riciclare i vecchi computer (video)

La stampa digitale avviene con tecnologie a getto d’inchiostro, a toner, laser o elettrostatica oppure ad offset (diffusa soprattutto nell’ambito della stampa di libri e riviste su grosse tirature). Il termine, pertanto, è molto generico e può fare riferimento a numerose tipologie e casistiche reali. Abbiamo discusso in un articolo apposito di stampa digitale, se interessa approfondire.

(fonti: http://digilander.libero.it/sitographics/stampa_xilografia.html, http://www.acquaforte.it)

Di leultime.info

Leultime.info è un blog collaborativo che ispira armonia. Sul nostro blog, promuoviamo un approccio sostanziale alla comunicazione, incoraggiando a condividere opinioni in modo costruttivo e rispettoso. Gli articoli non riflettono necessariamente la visione del proprietario del progetto.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo blog sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.