Burrata di Puglia: come riconoscere se è fresca e come conservarla

Burrata di Puglia: come riconoscere se è fresca e come conservarla

L’esaltazione delle papille gustative ad ogni boccone della tenera e cremosa stracciatella è sicuramente il segno indelebile che accompagna la degustazione di una burrata. Ma perché ciò avvenga è necessario che vengano rispettati requisiti di lavorazione e di qualità severi e rigorosi, che distinguono la burrata di Puglia da prodotti caseari di dubbia provenienza. Vediamo allora come riconoscere se una burrata è fresca e come conservarla senza farle perdere le sue proprietà.

Colore, consistenza e sapore: le caratteristiche di una burrata di puglia fresca

Partiamo dalla forma, che deve essere quella di un sacchetto, con l’involucro esterno che deve essere liscio e misurare circa un 1 cm di spessore. Per la chiusura viene utilizzato uno spago alimentare (filo di rafia verde). Il colore è bianco lucente.

All’interno, la succosa stracciatella (composta da filamenti di mozzarella e panna) è morbida e saporita, sempre di colore bianco. La consistenza è soffice e cremosa. Si consiglia l’assaggio congiunto di stracciatella e sacca esterna per massimizzare il piacere gustativo.

Se il colore tende al giallino e il sapore è leggermente acidulo, la burrata non è fresca.

Come conservare la burrata

La burrata pugliese è un prodotto freschissimo, realizzato con materie prime di alta qualità ma soggette a rapido deterioramento.

👉 Pubblicità

Vuoi ascoltare in streaming senza limiti? Prova Amazon Music gratis per 30 giorni!

Per questo motivo se ne consiglia il consumo nel più breve tempo possibile. La burrata non deve subire sbalzi termici, per cui è opportuno, se non servita subito dopo l’acquisto, conservarla in frigorifero ad una temperatura compresa tra i 4°C ed i 6°C. A queste condizioni, la burrata mantiene le sue proprietà.

Se conservata in frigorifero, prima di consumarla, al fine di poter assaporarne il gusto pieno, bisogna che torni a temperatura ambiente in maniera naturale, lasciandola nel suo contenitore e senza utilizzare alcun tipo di fonte di calore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *