Mutuo e prestito: qual è la differenza?

Quando si parla di mutui o prestiti si pensa sempre ad istituti finanziari e banche per ragioni ovvie: infatti, entrambi sono dei finanziamenti che possono richiedere o meno una garanzia. Lo scopo è riuscire ad ottenere della liquidità che verrà restituita all’ente tramite il pagamento di rate prestabilite.

Al momento della stesura del contratto vengono decisi il valore, la durata e l’importo delle rate. Però c’è differenza tra richiedere un mutuo e un prestito personale, e in questo articolo cercheremo di spiegare le particolarità e le dissomiglianze di queste tipologie.

DIFFERENZA TRA MUTUO E PRESTITO

La differenza primaria tra mutuo e prestito è la ragione per cui si richiede la somma in denaro:

  • Il mutuo viene richiesto per un motivo ben definito, come l’acquisto di un immobile o la ristrutturazione dello stesso. Cioè si parla di somme in denaro di valore elevato.
  • Il prestito, di solito, non ha una motivazione specifica. Può essere richiesto per saldare un debito, fare un viaggio o fare rinnovamenti nella propria residenza. Cioè si parla di somme in denaro di minor rilevanza.

La seconda differenza tra questi due tipi di prestito sta nella loro durata:

  • I mutui hanno tempi di restituzione molto lunghi, di anche 30 o 40 anni, e vanno pattuiti insieme allo istituto di credito al momento della richiesta.
  • I prestiti sono solitamente più brevi e hanno dei piani di ammortamento che possono essere al massimo di dieci anni (a seconda della banca).

Per di più, un’altra grande differenza tra mutuo e prestito sono le garanzie richieste per ricevere il credito:

  • Per i mutui è fondamentale avere una buona situazione creditizia (non essere un cattivo pagatore) e presentare garanzie concrete, come l’ipoteca sulla casa. Questo perché siccome si tratta di somme molte elevate, il creditore ha bisogno di avere solide certezze per poter concedere il finanziamento.
  • Per i prestiti, normalmente, basta dimostrare un reddito mensile, che può essere lo stipendio o la pensione.

Anche il tasso d’interesse è un punto distinguibile:

  • I mutui hanno tassi d’interessi che possono essere classificati in fissi o variabili.
  • I prestiti hanno tassi fissi per l’intera durata del finanziamento.

E per concludere, la velocità di erogazione è un fattore discriminante:

  • Per i mutui serve l’intermediazione di un notaio, che comporta fissare un appuntamento e sostenere i costi per la sua firma.
  • Per i prestiti non serve un notaio e il capitale viene erogato in pochi giorni.

DIFFERENZA MUTUO CHIROGRAFARIO E PRESTITO PERSONALE

La differenza principale tra il mutuo chirografario e il prestito personale è che il primo non necessita di una garanzia ipotecaria su un bene, ma viene garantito dalla semplice firma del soggetto debitore.

Si può definire il mutuo chirografario come una sorta di prestito personale che non necessita di particolari garanzie.

Le caratteristiche del mutuo chirografario

• Durata massima di 10 anni (a seconda della banca);

• Garantito attraverso la firma del richiedente;

• L’importo minimo parte da 10.000 euro e non supera in genere i 75.000 euro (persona fisica);

• Per le imprese il tetto massimo può arrivare a 120.000 euro;

In conclusione…

PRESTITO

  • Spesso ha una durata più breve e si conclude nel massimo di 10 anni.
  • La cifra richiesta normalmente è modesta e, escluso casi particolari, non necessita di garanzie;
  • Non serve dichiarare per quale scopo verrà utilizzato il denaro erogato;
  • Non godono di sgravi fiscali dato che vengono usati per sanare bisogni non primari;
  • Facile richiesta, si può fare anche online, ed i tempi di erogazioni sono molto veloci;
  • Essendo un atto pubblico, non necessita della presenza di un notaio;

MUTUO

  • La sua durata è più lunga, molto spesso anche di 30-40 anni;
  • Finalizzato all’acquisto di un bene specifico;
  • La cifra richiesta normalmente è elevata visto che si tratta di immobili;
  • I tempi di erogazioni sono ragionevolmente lunghi;
  • Gode di agevolazioni fiscali;
  • Necessita di un notaio che acconsenta all’atto d’acquisto;

Foto di Peggy und Marco Lachmann-Anke da Pixabay

Redazione

Articolo a cura di LeUltime.info.

Potrebbero interessarti anche...

Seguici sul canale Telegram ufficiale @leultime

Leultime.info è un progetto web Capolooper