Sono in molti nel nostro Paese ad avere un libro scritto nel cassetto, ma davvero poche persone riescono a realizzare il sogno di vederlo pubblicato e magari anche di trasformarlo in una fonte di successo. Con l’avvento di internet, tuttavia, i canali per dare vita al proprio romanzo o saggio che sia si sono moltiplicati offrendo nuove opportunità per provare a rincorrere questo desiderio: quali sono dunque le migliori opzioni per pubblicare un libro digitale o cartaceo?

E-book, un mercato in forte crescita

Una delle novità più importanti di questi anni nel mercato editoriale sono senza dubbio gli e-book, ossia i libri in formato elettronico che possono essere letti sia tramite PC che su dispositivi mobili e appositi e-book reader. Si tratta di un cambiamento epocale per un settore molto legato alla dimensione fisica, sia dal punto di vista della produzione che degli stessi lettori, che stando ai dati continuano a preferire il piacere di sfogliare le pagine dei libri cartacei. Ciononostante, i download degli e-book sono in forte aumento, anche in virtù di una maggiore diffusione di internet e dei device elettronici in tutte le fasce demografiche: la possibilità di avere sempre a portata di mano i propri volumi preferiti e di creare grandi archivi senza avere problemi di spazio spinge infatti sempre più appassionati verso la lettura su schermo, un fenomeno che non raggiunge ancora i volumi di altri settori digitalizzati come quello dell’ascolto di brani musicali o della partecipazione a giochi di casino con slot machine avanzate come la famosa Gonzo’s Quest, ma che suscita comunque molta curiosità tra gli addetti ai lavori.

Per chi si avvicina all’idea di pubblicare un libro, quindi, proprio il formato e-book rappresenta una delle soluzioni migliori poiché permette di abbattere i costi di produzione, di vendere a un prezzo basso e di avvicinare una platea di lettori potenzialmente enorme. Non è un caso che sulle piattaforme dedicate ai libri digitali i cataloghi di titoli crescono giorno dopo giorno interessando qualsiasi genere letterario ed è per questo motivo che questa opportunità va considerata in maniera prioritaria da chi non ha avuto ancora riscontri positivi da una casa editrice.

Kindle Direct Publishing, la sezione di Amazon dedicata agli autori di e-book

Il colosso dell’e-commerce Amazon ha sviluppato in questi anni servizi collaterali sempre più completi, diventando un protagonista assoluto del mondo digitale non soltanto per ciò che riguarda il suo marketplace. Un esempio sotto gli occhi di tutti è la piattaforma di streaming Prime Video, che oggi domina il mercato in compagnia di Netflix e Disney+, ma non meno interessante è l’iniziativa Kindle Direct Publishing, studiata per consentire a chiunque lo desideri di pubblicare un libro online.

La procedura per pubblicare su Kindle Direct Publishing è piuttosto semplice: basta infatti registrarsi alla piattaforma, seguire le indicazioni fornite in pagina e caricare il file contenente il proprio manoscritto. In poco tempo l’e-book viene reso disponibile per l’acquisto e la lettura da parte di chi utilizza il servizio Kindle, aprendo dunque alla possibilità di raggiungere rapidamente milioni di potenziali lettori. La pubblicazione è gratuita, ma Amazon riceve delle commissioni su ciascuna vendita che possono variare tra il 35% e il 75% del prezzo del libro. Non solo, sulla piattaforma è possibile anche richiedere la stampa fisica, di cui si occuperà lo stesso Amazon aumentando le commissioni, oppure partecipare al programma Kindle Unlimited.

Ovviamente la sola pubblicazione in un oceano di testi non garantisce nulla in termini di numeri di vendita, e sarà pertanto necessario pubblicizzarsi anche su altri canali, per esempio sfruttando i social per farsi conoscere da chi ha interessi affini a ciò di cui parla il libro.

Lulu e Streetlib, le piattaforme per gli amanti dei libri

Se Amazon ha dalla sua parte la fama mondiale per via dei tanti servizi offerti, da non sottovalutare sono altre piattaforme nate proprio per supportare la libera editoria e per offrire una vetrina a chi si avvicina al mondo della scrittura. Due nomi su tutti sono quelli di Lulu e Streetlib, molto conosciuti tra i lettori più accaniti e tra coloro che sognano di far leggere il proprio libro a più persone possibili.

Lulu, per esempio, permette di pubblicare libri in versione digitale o cartacea, e di acquistare e vendere autonomamente tramite e-commerce, creando così uno spazio di condivisione tra lettori e scrittori. Si tratta di un canale attivo ormai da anni che ha permesso a tanti giovani autori di farsi apprezzare, anche grazie alle guide e ai suggerimenti messi a disposizione di chi è novizio del settore.

Funzionamento simile per Streetlib, che in maniera molto rapida e intuitiva permette, previa registrazione, di caricare e pubblicare il testo e di renderlo acquistabile sulla stessa piattaforma. Come per Amazon e Lulu, anche Streetlib si ripaga con delle commissioni, permettendo così di sostenere i costi di pubblicazione solo sulle vendite effettive. Streetlib, peraltro, opera anche come una vera e propria casa editrice con a disposizione un network di librerie fisiche e online che si occupano della distribuzione dei volumi, sia e-book che audiolibri e libri stampati.

Di leultime.info

Leultime.info è un blog collaborativo che ispira armonia. Sul nostro blog, promuoviamo un approccio sostanziale alla comunicazione, incoraggiando a condividere opinioni in modo costruttivo e rispettoso. Gli articoli non riflettono necessariamente la visione del proprietario del progetto.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo blog sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.