“The Hateful Eight” è un film scritto e diretto da Quentin Tarantino, uscito nel 2015. Il titolo si riferisce ai personaggi principali della storia, che sono otto individui che si ritrovano in una locanda durante una tormenta di neve nell’Ovest americano dopo la Guerra Civile. Il film è un western con elementi di mistero e dramma, noto per il suo stile visivo distintivo e per il dialogo acuto e spesso provocatorio tipico delle opere di Tarantino.

Quanto al motivo per cui “The Hateful Eight” è stato boicottato dalla polizia all’epoca dell’uscita, va detto che ci sono state controversie riguardo al contenuto e alla rappresentazione del film. L’attenzione è stata focalizzata sulla rappresentazione della violenza e dei temi razziali nel film, che è un marchio di fabbrica dei lavori di Tarantino.

Il boicottaggio da parte delle forze dell’ordine USA è stato principalmente guidato da due fattori:

  1. Critiche alla rappresentazione della polizia: Nel film, ci sono scene che ritraggono la brutalità della polizia e la corruzione. Questo tipo di rappresentazione ha sollevato critiche da parte di alcune organizzazioni di polizia e di alcuni agenti, che ritenevano che il film avesse dipinto la polizia in una luce negativa e distorta.
  2. Reazione contro la posizione di Tarantino: Quentin Tarantino aveva già attirato l’attenzione dei media e delle forze dell’ordine con dichiarazioni pubbliche contro la violenza poliziesca. Prima dell’uscita del film, Tarantino aveva partecipato a manifestazioni contro la brutalità della polizia e aveva fatto dichiarazioni contro il trattamento delle minoranze da parte delle forze dell’ordine. Queste dichiarazioni hanno portato a un’ulteriore tensione e a un aumento delle critiche.

È importante notare che il boicottaggio da parte della polizia non è stato uniforme, e molte organizzazioni e agenti non hanno partecipato al boicottaggio. Le reazioni al film e alle posizioni di Tarantino sono state diverse e hanno riflesso le opinioni diverse riguardo alla rappresentazione dei temi sociali e alla libertà di espressione artistica.

Significato del film

The Hateful Eight” è un film complesso che può essere interpretato in modi diversi, ma ci sono alcune tematiche principali e sottotesti che emergono dalla trama e dai personaggi. Ecco alcune interpretazioni chiave del significato del film:

  1. Isolamento e Mancanza di Fiducia: Il film è ambientato in una locanda isolata durante una tempesta di neve, creando un senso di isolamento e claustrofobia. Gli otto personaggi principali, che rappresentano una varietà di sfondi e personalità, si diffidano a vicenda. La mancanza di fiducia tra di loro riflette un tema più ampio di sospetto e disintegrazione sociale.
  2. Razzismo e Pregiudizio: Il film affronta i temi del razzismo e del pregiudizio attraverso il contesto post-Guerra Civile negli Stati Uniti. Le tensioni razziali emergono tra i personaggi, rivelando come il passato influenzi le relazioni e i conflitti attuali.
  3. Giustizia e Vendetta: La trama si sviluppa intorno all’indagine su chi tra i personaggi stia nascondendo un segreto. Questo porta a una serie di sospetti e a un desiderio di giustizia o vendetta da parte dei vari personaggi. Il concetto di giustizia personale e la linea sottile tra vendetta e giustizia sono temi centrali.
  4. Maschere e Identità Nascoste: Molti personaggi nascondono le loro vere identità o intenzioni, creando un senso di mistero e ambiguità. Questo gioca con il concetto di maschere sociali e mette in discussione la vera natura delle persone.
  5. Violenza e Cinismo: Il film è noto per la sua rappresentazione grafica della violenza, che spesso viene presentata in modo crudo e realistico. Questo porta a riflettere sulle conseguenze della violenza e sulla natura cinica dell’umanità.
Ti potrebbero interessare:  Usciva oggi nei cinema, 41 anni fa: UFFICIALE E GENTILUOMO

In definitiva, “The Hateful Eight” è un film che esplora temi profondi e complessi attraverso la sua trama intricata e i suoi personaggi sfaccettati. La narrazione di Quentin Tarantino si basa sulla tensione, sui dialoghi taglienti e sulle sorprese narrative, offrendo molteplici livelli di interpretazione.

Spiegazione del finale “The Hateful Eight”

Verso la fine del film, emergono le verità nascoste di alcuni personaggi e si giunge a un climax di violenza e rivelazioni. Il personaggio di Chris Mannix, interpretato da Walton Goggins, rivela di essere un membro dell’antica banda di predoni di cui faceva parte anche il personaggio di Major Marquis Warren, interpretato da Samuel L. Jackson. Questa rivelazione crea tensione tra i due personaggi.

Nel frattempo, si scopre che il personaggio di Daisy Domergue, interpretato da Jennifer Jason Leigh, ha in realtà un accordo con il personaggio di Oswaldo Mobray, interpretato da Tim Roth, per uccidere il Maggiore Warren. Questa rivelazione fa parte di un intricato piano orchestrato da diversi personaggi.

La situazione si intensifica ulteriormente quando emerge che il personaggio di Joe Gage, interpretato da Michael Madsen, è coinvolto e che c’è un altro personaggio misterioso all’interno della locanda.

Ti potrebbero interessare:  Film in TV di oggi mar 31 ott 2023

Tutta questa tensione culmina in uno scontro violento, in cui diversi personaggi muoiono in rapida successione. Alla fine, solo tre personaggi sopravvivono: il Maggiore Warren, il personaggio di Chris Mannix e Daisy Domergue. I due sopravvissuti decidono di risparmiare la vita di Daisy, ma il Maggiore Warren la uccide comunque, segnando il suo destino e lasciando il film con una nota di giustizia cruda.

L’epilogo di “The Hateful Eight” è pieno di rivelazioni shock e colpi di scena, e sottolinea i temi di tradimento, vendetta e giustizia che permeano l’intero film. È un finale drammatico e violento che rispecchia lo stile caratteristico di Quentin Tarantino.

Foto Di HartemLijn – fotogramma, Copyrighted, https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=5810797

Di leultime.info

Leultime.info è un blog collaborativo che ispira armonia. Sul nostro blog, promuoviamo un approccio sostanziale alla comunicazione, incoraggiando a condividere opinioni in modo costruttivo e rispettoso. Gli articoli non riflettono necessariamente la visione del proprietario del progetto.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo blog sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.