I ricercatori dell’Università di Toronto hanno sviluppato una stampante portatile 3D che può applicare strati di tessuto cutaneo direttamente sui pazienti per coprire e guarire le ferite. Secondo i ricercatori, la stampante è un’alternativa a un innesto di pelle convenzionale, ma non richiede che una pelle sana venga rimossa da un donatore e innestata su un altro paziente.

Il dispositivo è invece in grado di essere utilizzato come un dispensatore di nastro bianco, che distribuisce il tessuto cutaneo, detto “inchiostro biologico” direttamente sulle aree interessate e pesa meno di due chili. Sempre secondo i ricercatori, si tratterebbe del primo dispositivo a prototipazione rapida in grado di applicare la pelle direttamente sopra una ferita, in più o meno due minuti.

Ti potrebbero interessare:  Cos'è un loft?

La nuova stampante 3D è stata testata su alcuni animali (in questo video si può vedere l’applicazione del nastro su un maiale) e, se tutto procede secondo ordine, presto sarà testata e poi utilizzata anche sugli esseri umani. Non ci resta che attendere.

Di leultime.info

Leultime.info è un blog collaborativo che ispira armonia. Sul nostro blog, promuoviamo un approccio sostanziale alla comunicazione, incoraggiando a condividere opinioni in modo costruttivo e rispettoso. Gli articoli non riflettono necessariamente la visione del proprietario del progetto.

Licenza Creative Commons I contenuti di questo blog sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.