Vai al contenuto

– Giovanotto, – mi disse. – È messicano per caso? Mi indicai e mi misi a ridere. – Messicano, io? – scossi il capo. – Sono americano, signora Hargraves. E quello non è un racconto sui cani. Parla di un uomo e non è niente male. Non c’è nemmeno un cane, lì dentro. – Non ospitiamo messicani in quest’albergo, – insisté. – Non sono messicano. E il titolo l’ho tratto da una favola. E il cagnolino rise a vedere uno simile spasso. – E nemmeno ebrei, – concluse. ( John Fante )

Ti potrebbero interessare:  Che cos'è avvenuto dei miei amici | che tanto mi erano vicini | e tanto amavo? | Credo che sono troppo sparsi; | Non furono ben curati, | e sono andati. | [...] Sono amici che il vento si porta, | e c'era vento di fronte alla mia porta, | li portò via (Rutebeuf)
Licenza Creative Commons I contenuti di questo blog sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.